23

Notte in bianco al parco Ninni Cassarà

La notte bianca al parco Ninni Cassarà è stata… una cagata pazzesca! (Il tono fantozziano è sottinteso)
E’ inutile che ci prendiamo in giro… E’ inutile che ce ne usciamo con frasi del tipo: “dai…una volta che organizzano qualcosa a Palermo non ti lamentare…” (Stronzate!) Le cose o si fanno bene o non si fanno! E la manifestazione di sabato non andava fatta! O almeno non in questo modo!
Ecco la mia esperienza:
Appena arrivato mi rendo conto che non sono alla “Notte Bianca” ma alla “Notte dell’Inciviltà più nera”. Automobili ovunque, sopra i marciapiedi, a destra, a sinistra, sopra, sotto… Ma che è??? Veramente non c’è un un vigile che faccia una sola multa???
A far compagnia ai vari panormosauri non poteva mancare il camper di Crocetta, posteggiato rigorosamente sul marciapiede! Ma non possiamo pretendere che anche i politici rispettino le regole…
All’ingresso, fino a tarda notte, erano appostati anche dei “BimbiMinkia”, col faccione del Rosarione Nazionale stampato sulla magliettina, che svolantinavano a manetta! (Ma chi li paga questi bambini? Avevano non più di 16 anni!)
Ma torniamo al parco…
Appena entrato, capisco che non sono in un parco ma in uno Zoo Safari! La gente praticamente ridotta allo stato brado! Molti preferivano calpestare e distruggere piante e aiuole pur di arrivare prima (chissà dove e per quale ragione)…. Ovviamente non potevano mancare i ragazzini che gettavano qualsiasi tipo di rifiuti sul prato… Cartacce, bottiglie, volantini di Crocetta!
L’impianto di illuminazione… pessimo!
Ad un certo punto è saltata pure la luce per un sovraccarico… Metà del parco è rimasta al buio per una buona mezzora, o forse più…
Anche l’impianto audio non era da meno, infatti non era possibile capire le comunicazioni di servizio che arrivavano confuse e incomprensibili.
Per quanto riguarda la “ristorazione”, all’interno del parco c’era una sola camionetta che vendeva panini stile “la domenica allo stadio”. Ovviamente era impensabile comprare qualcosa lì… c’era una bolgia infernale! Decido di chiedere indicazioni ad alcuni autoctoni: -”Ma veramente non c’è un altro posto dove poter mangiare qualcosa?”-
-”Guarda…credo che ci sia l’area ristorazione verso via Basile”-
-“Fantastico! Finalmente si mangia!”- avrei voluto esclamare in quel momento. E invece, chissà perchè, c’era qualcosa che mi puzzava.
Il mio sesto senso frenò il mio entusiasmo… E infatti, dopo aver percorso chilometri per arrivare all’ingresso(lato università), ecco la conferma:
Ma quale area ristorazione??????????????? C’era solo un paninaro all’ingresso, ovviamente abusivo! La coda anche qui chilometrica! La fame mi stava uccidendo! Decido di tuffarmi in un mix di sudore, feto e inciviltà! E’ risaputo che dai “paninari” ordina il più furbo, ed io probabilmente non sono furbo! Dopo una buona mezzora di attesa finalmente arriva il mio turno ma… la sfiga mi perseguita o forse è destino che quella giornata, già partita una merda, finisca peggio:
-”Mi dispiace… il pane è finito!”-
Agguanto una birra nella speranza che l’alcol sedi il mio istinto omicida e vado via!
A questo punto ho due opzioni:
1) tornare nella jungla e sperare che la camionetta dentro al parco non sia rimasta anch’essa senza panini.
2) andare il più lontano possibile da quesl posto!
Ovviamente opto per la seconda…anche perchè, obiettivamente, dentro al parco, c’era poco o niente da vedere… (soprattutto a causa della scarsa illuminazione!)

Conclusioni:
Non mi va di passare sempre per il solito disfattista. Ma, obiettivamente, quel poco che viene organizzato a Palermo finisce sempre col deludermi. Sicuramente gran parte della responsabilità è sempre dei palermitani, incivili, e con livelli di menefreghismo indicibili. Altra responsabilità è di chi dovrebbe vigilare. Com’è possibile che la Polizia Municipale permetta ancora questo parcheggio selvaggio? Dove sono i vigili quando servono? E poi, che dire, l’organizzazione è quasi sempre pessima! Sembra che a Palermo tutto ciò che viene organizzato venga fatto, tanto per fare capire che “Palermo è viva” giusto per citare il nostro sorridente sindaco dall’anfiteatro del Parco Ninni Cassarà.

Mauro Giulivi

Mauro Giulivi è un programmatore informatico. Vive e lavora a Palermo. Ha ideato palermobugs.com.

  • Gillo73

    Purtroppo devo confermare quasi tutto…. soprattutto i vigili… vermanente inesistenti e quando esistono inutili! Povera città

  • Tony

    e meno male che i vigili non c’erano,
    cito
    “Agguanto una birra nella speranza che l’alcol sedi il mio istinto omicida e vado via!”
    se ti fermavano c’era pure la multa ed il ritiro della patente per guida in stato di ebrezza !!!!

    :-))

    • Giulivello

      Ero a piedi! Tranquillo! ;)

  • xemet

    Un unico appunto, la luce e’ andata via a causa di un incendio, non per un sovraccarico. Ed e’ andata via in mezza citta’, dunque non siamo la colpa all’impianto di illuminazione.

    • Giulivello

      A me lo ha comunicato un addetto ai lavori del parco… Per cui non so se il tizio non aveva idea di quello che stava succedendo oppure oltre all’incendio c’è stato anche il sovraccarico!

  • Fabio

    Caro Giulivello, ti svelo un segreto!
    L’inciviltà e la maleducazione dei palermitani, nonchè le frotte di bimbiminkia, il parcheggio selvaggio e le persone davanti l’ingresso che bloccano il traffico NON sono responsabilità degli organizzatori della notte bianca!
    Capisco che da bravo grillino devi sparare a zero nel mucchio, ma se ti fossi un attimo informato su come questa notte bianca è stata preparata, avresti scoperto che tutto quanto è stato organizzato senza spendere un euro da parte del comune e della circoscrizione. Anzi, il comune stesso ha messo più volte i bastoni tra le ruote alla IV circoscrizione.
    Questo per dire che sono riusciti ad organizzare un evento facendo le nozze con i fichi secchi e se le uniche critiche che riesci a sollevare sono quelle di cui hai parlato nel tuo post, allora confermi ancora di più il fatto che nonostante i disagi provocati DAI PALERMITANI INCIVILI E PREPOTENTI, la notte bianca sia riuscita bene!

    • Giulivello

      Se rileggi bene il post, che comunque racconta una MIA esperienza, ti accorgi che ho parlato principalmente dell’inciviltà dei palermitani. Non ho detto che era compito degli organizzatori vigilare sulle macchine posteggiate sul marciapiede o sui bambini che facevano volantinaggio. Penso però che l’organizzazione un minimo di responsabilità sulla carenza dell’impianto audio, sulla pochissima illuminazione e sulla mancanza di un’area ristoro ce l’abbia. Ovviamente tutto è perfettibile e tutto è criticabile. Io ho raccontato una mia esperienza. Se ti va scrivi un post col tuo punto di vista e lo pubblichiamo.