20120319-222742.jpg
5

Ufficio H

20120319-222742.jpg

Oggi mi sono recato presso l’ufficio H, per presentare la richiesta del contrassegno invalidi per conto di mio padre. Entrato presso l’ufficio, l’operatrice mi dice subito che non può accettare la mia richiesta perché il modulo compilato da mio padre non è corretto perché da oggi entra in vigore una nuova modulistica. Io faccio presente che il modulo è stato consegnato a mio padre giorno 14 marzo da personale dell’ufficio H, ma l’operatrice mi dice che “è la novità del giorno” e che non può fare nulla per la mia pratica. A questo punto ho chiesto di poter parlare con il responsabile dell’ufficio, la quale mi riferiva che lei non poteva fare nulla e che è stata una decisione del consiglio comunale di dotare l’ufficio H di nuova modulistica, inserendo anche una “gabella” di € 5,00 (non prevista prima) per il rilascio del contrassegno. Inoltre mi veniva detto che con questa nuova modulistica la città si allineava alle altre realtà italiane. Cioè quella di mettere sempre il bastone tra le ruote all’utenza ? perché credo che nelle altre città, dove la pubblica amministrazione funziona, non mettono il bastone tra le ruote all’utenza, soprattutto disabile. Ora è normale che le cose cambiano all’improvviso, senza nessun avviso, nemmeno sul sito ufficiale del comune, dove non esiste nemmeno un link per avere notizie dell’ufficio H. Si riesce a trovare qualcosa tramite google, peccato però che la modulistica è ancora quella che è stata consegnata a mio padre e riporta ancora l’ufficio in Piazza Unità d’Italia, mentre il personale insisteva che sul sito del comune si trovava il modulo aggiornato. Ora dico io è normale creare questi disservizi ai cittadini, che devono andare almeno tre volte presso quest’ufficio per espletare una “formalità”, visto che si tratta di gente disagiata. Penso a tutte le persone che sono sole e devono sobbarcarsi queste “soverchierie”, per fortuna che mio padre, malato di tumore, può contare su di me.

Davide

  • Zak

    Ciao Davide ti capisco e ti sono vicino, anche io sono andato più volte in via Basile per presentare e RIpresentare questa modulistica in favore di mio padre, disabile. La situazione è talmente paradossale che viene spontaneo chiedersi come dovrebbero fare questi cittadini a usufruire di quanto gli è dovuto, qualora non avessero accanto persone a cui affidarsi.
    Non ti racconto le giornate perse anche all’Agenzia delle Entrate per ottenere l’esenzione del bollo auto… perse appunto perchè in genere solo alla fine dell’iter scopri quei cavilli che ti impediscono di portare a termine la pratica.
    Fammi sapere appena hai novità! Almeno ci aiutiamo fra di noi :)

    PS. mio padre avrebbe diritto anche al posteggio assegnato, ma tremo all’idea di infilarmi in quel labirinto…

  • rosanerofan

    Ciao Zak
    speravo di non dover mai avere bisogno dell’ufficio H, ma purtroppo il destino ha voluto il contrario. Domani ritornerò con il nuovo modulo firmato da mio padre all’ufficio H con la speranza che il tutto si concluda senza intoppi e soprattutto senza novità dell’ultima ora. Fino all’altro giorno sapevo poco dell’ufficio H, se non per de relato da parte di mia cugina, sulla sedie a rotelle da 31 anni, che ha avuto il coraggio di abbandonare Palermo perché l’assistenza sociale qui è peggio che nel terzo mondo, sempre che esista un terzo mondo peggiore del nostro. Adesso si trova in Veneto dove l’assistenza sociale che c’è da quelle parti, visto con i miei occhi, qui non sanno nemmeno cosa sia.
    Se tuo padre ha diritto al posteggio assegnato richiedilo, è un suo diritto e a quest’amministrazione mercenaria non si deve lasciare nulla.
    Per quanto riguarda l’agenzia delle entrate, ti consiglio per la prossima volta che dovrai recarti lì, di prenotare l’appuntamento online: https://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/cup/index.htm

    In bocca al lupo

    Davide

  • rosanerofan

    Questa è stata invece la mia risposta alla dott.ssa Rimedio:

    Gentilissima Dott.ssa Rimedio
    la ringrazio per la sua esaudiente risposta. In effetti vedendo bene il sito del comune, che comunque è strutturato molto male, si trova il link per poi arrivare alla modulistica, ma ciò non giustifica il fatto del cambio di modulo dall’oggi al domani, visto che a mio padre che si era recato presso l’ufficio H era stato dato il modulo “vecchio”.
    Non credo che il consiglio comunale abbia attuato il nuovo regolamento dall’oggi al domani, quindi sarebbe stato più corretto, e soprattutto per evitare di creare disagi all’utenza, di informare un eventuale cambio di modulistica da li a pochi giorni. Per quanto riguarda il versamento di € 5,00 è una bella “gabella”, visto che il comune essendo in grosso deficit, si parla di 700 milioni di euro, di cui 550 fuori bilancio, cerca di raschiare il fondo prendendola sempre con i più “deboli” e non credo proprio che questi soldi serviranno a migliorare il servizio all’utenza, vista l’inefficienza della macchina burocratica del comune di Palermo e non mi riferisco solamente all’ufficio H.
    Speravo nella mia vita di non avere mai a che fare con l’ufficio H, ma purtroppo il destino ha deciso che dovevo fare “tappa” anche lì. Avevo avuto un contatto “a distanza” con quest’ufficio, tramite i racconti di mia cugina, sulla sedia a rotelle da 31 anni, che grazie all’inefficienza del comune di Palermo verso i disabili è scappata 2 anni fa da questa città, trasferendosi in Veneto dove le attività sociali sono anni luce avanti a Palermo. Anzi credo proprio che a Palermo si siano totalmente dimenticati (volutamente da parte di tutti i politici) cosa sia l’attività sociale.
    Ringraziandola ancora per la sua e-mail le porgo cordiali saluti.

  • Giulivello

    Sinceramente non sono informato sull’argomento “Ufficio H”…però posso sicuramente affermare che il sito del comune di Palermo è assolutamente terribile! Non si capisce una mazza! Poche informazioni e soprattutto confuse! Penso sia il peggiore d’Italia!

  • rosanerofan

    update

    oggi finalmente sono riuscito a presentare il modulo e la documentazione per il rilascio del contrassegno per invalidi. Ho posto alcune domande:
    1) mi può fornire il numero di protocollo ? – risposta: il protocollo non lo mettiamo subito perché facciamo tutto a mano
    2) tempi di evasione della pratica ? – risposta 30 giorni, ma conviene sempre chiamare prima perché non si sa mai.

    Come sempre gli uffici del comune sono un punto interrogativo. E’ inammissibile che nel 2012 non ci sia un protocollo elettronico che credo sia obbligatorio per tutte le amministrazioni pubbliche. Poi 30 giorni per stampare un cartellino, che potrebbero diventare anche poche ora, se gli uffici fossero dotati di più computer, in modo da far inserire direttamente i dati dall’operatore che riceve la pratica, dopo aver dato il nulla osta, stampare il cartellino e fare firmare il tutto a qualche funzionario dell’ufficio. Se ci fosse la volontà penso che siano cose realizzabili e aiuterebbero tantissimo le persone che si recano più volte per sbrigare una formalità. C’era gente che è da due mesi che si reca presso l’ufficio H per ritirare il contrassegno lasciato per il rinnovo. Una vera vergogna !

    Davide